Monte Inferno è il nuovo nome
di una vecchia discarica.

Se dovessi scegliere un suono per descrivere il documentario, non ho dubbi, sarebbe il silenzio. Come quando a scuola ci insegnano che la somma di tutti i colori alla fine è il bianco, così il silenzio riassume bene tutto ciò che ho sentito alle pendici di Monte Inferno.

Nessuna umanità
Monte Infermo è una discarica, ma potrebbe essere una guerra, una carestia, un fatto di cronaca o altro ancora. È il luogo dell’indifferenza. Non trovo niente di umano nella solidarietà che scatta solo in base alla distanza dal danno perché siamo in tempi di condivisione e tutto riguarda tutti.

Il trailer

Sperimentare
Il tempo e la libertà che un progetto personale garantisce, mi hanno dato la possibilità di sperimentare e uscire dai miei cliché comunicativi. Dopo mesi di sopralluoghi ho scoperto il disagio di affrontare un luogo abbandonato dall’indifferenza e ho capito che l’unico modo per proseguire nel progetto era usarla quella paura. L’ho fatto cercando la bellezza umana e paesaggistica.

Tempi
Tutto è iniziato nel 2013, quando decisi di realizzare un documentario sulla discarica di Borgo Montello, nel centro dell’Italia. Lo pensavo breve e per il web e mai avrei immaginato che sarebbe diventato un progetto molto più complesso lungo qualche anno di lavoro.

Patrizia Santangeli

IL POSTER DEL DOCUMENTARIO

Poster

Regia

Pa

Patrizia Santangeli
Scrive e dirige documentari dal 2004. Ha iniziato come dj e direttore artistico di una radio privata e nel 1994 è arrivata al mondo della comunicazione, dove ha lavorato come copywriter e regista di spot, backstage, video istituzionali. Dal 2004 al 2010 è stata partner e direttore creativo di un’agenzia di comunicazione. Negli ultimi anni ha intensificato la sua attività di regista e filmmaker dedicandosi a documentari e a filmati per il web, quasi esclusivamente su tematiche sociali. Interessi, capacità progettuale maturata nel tempo e competenze multidisciplinari, la spingono ad avere un approccio creativo a più dimensioni, dove il documentario diventa uno degli strumenti a disposizione. Vive a Roma.

Il sito di Patrizia

Proiezioni

26 marzo – LATINA, Teatro Comunale
31 marzo – ROMA, Cinema Farnese
10 aprile – NARNI, Cinema Mario Monicelli
6 maggio – LECCE, Teatro Paisiello
12 maggio – ROMA, Associazione Altrevie
8 maggio – VERONA, Cinema San Michele
10 maggio – TORINO, Cecchi Point
26 maggio – APRILIA, Teatro Europa
21 giugno – NETTUNO, Tracce cinematografiche Film Festival